Piccole piante crescono

Vista del Monte Summano

Una breve visita al tramonto, mentre gli ultimi tenui raggi di sole riscaldano, ancora per qualche attimo, la natura che si sta preparando al meritato riposo. Con passo leggero mi muovo tra piante e foglie, con delicatezza calpesto la terra cercando di invadere il meno possibile questo spazio sacro. Sacro perché uno sguardo in profondità rivela forme geometriche divine in ogni angolo, dove l’eternità è resa manifesta nelle spirali dei girasoli, nelle forme dei frutti di bosco e dei fiori, nella crescita delle piante stesse, solo in apparenza casuale. Sacro perché il miracolo della creazione è sceso anche in questo luogo, lo ha riempito di colori e profumi, di sapori e intime connessioni. Sacro perché nell’aria si respirano i pensieri d’amore di chi a questa terra ha dedicato il suo prezioso tempo e la sua forza fisica, e perché si nota la cura con la quale questo “giardino del cibo” viene seguito ed accudito, grazie ad anime amorevoli e a mani sapienti. 

Sono passati tre mesi dal primo resoconto fotografico. In quel giorno di festa abbiamo messo a dimora molti di questi frutti della terra, che ora sono cresciuti e nutrono quotidianamente la comunità. Non tutto ciò che è stato seminato ha dato i suoi frutti. Le particolari condizioni atmosferiche di questa estate hanno messo a dura prova l’orto. Prima il caldo soffocante, mentre le piante appena nate necessitavano di tanta acqua, poi le piogge torrenziali e continue a rallentarne la crescita. 

La natura, lasciata agire da sola, risponde solo a se stessa e a ciò che giunge dagli elementi e dall’universo. Ciò che l’uomo può fare, in un corretto ed armonioso scambio con essa, è di intervenire solo quando necessario, evitando il più possibile tecniche invasive e prodotti inquinanti che aiuterebbero sì la “produzione”, ma che introducono anche tossine ed elementi chimici estranei e dannosi, sia all’ambiente che all’uomo stesso. Questo approccio più naturale, tipico dell’agricoltura bio ed omeodinamica, è prima di tutto accettazione di ciò che si riceve da Madre Terra senza forzature, e al contempo una sapiente e saggia interazione con essa, nella consapevolezza che ogni difficoltà è un insegnamento, ogni mancanza è un messaggio. 

  

Ultimi aggiornamenti: 

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: