Corso di Autocostruzione Stufa in Muratura

______559513

Stufa Russa

Le stufe in muratura sono diffuse su tutto l’arco alpino, l’est Europa, Canada e Sud America. Sono un modo antico ed efficientissimo per scaldare gli ambienti. Funzionano senza ingranaggi e senza elettricità e hanno una resa termica straordinaria, che varia dal 75 al 90%. A titolo di paragone, quella di un caminetto è attorno al 15% e quella di una stufa economica attorno al 30%.
È possibile quindi usare poca legna, di qualsiasi tipo e caricarla una o due volte al giorno per avere un lento rilascio di calore garantito dalla massa refrattaria.

Realizzeremo assieme un modello molto facile da autocostruire, la Stufa Russa, studiato dall’istituto Nazionale per l’agricoltura Argentino; questo tipo di stufa, ha trovato grande diffusione in Patagonia con conseguenze positive per gli agricoltori e i loro boschi.

.

A fine opera, mostreremo anche come intonacare la stufa con la terra cruda.
Il corso è teorico e pratico.

.

Il seminario sarà condotto da Andrea Magnolini, dell’Ecoistituto di Cesena, in collaborazione con San Rocco Community Associazione Culturale. Andrea, che conosco fin dai tempi dell’università (Scienze della Formazione, Verona), è appassionato di Educazione Ambientale, edilizia ruspante e mestieri antichi. Ha scritto, per AAM Terranuova, i testi Fare Cesti e Forni in Terra, è co-autore del libro Orti di Pace, oltre che redattore di numerosi articoli su ciò che da passioni sono diventate professioni.

.

Il seminario si terrà a Schio (VI), località San Rocco di Tretto, il 15-16 novembre 2014.

.

Orari del corso:
Sabato e Domenica ore 9.00 – 18.00, con pausa pranzo.

Luogo del corso:
Contrada Marzarotti 3b
36015 Schio (VI)
coordinate GPS: 45°45’31.0″N 11°21’49.2″E
mappa: https://goo.gl/maps/OKJJF

Contributo per il seminario:
100 € + 10 € di tessera associativa. La quota comprende docenza, materiale didattico.
I pranzi saranno autogestiti: è possibile portare qualcosa da condividere (una specialità della propria zona, una torta o una focaccia), qualcosa verrà offerto dalla casa.

Iscrizioni:
https://essereinrete.wufoo.com/forms/iscrizione-corso-autocostruzione-stufa-in-muratura/

.

.
Il corso non è residenziale, ma per chi lo desidera, c’è la possibilità di contattare l’organizzazione per trovare la sistemazione più consona alle proprie esigenze.

.

Per saperne di più sulle stufe in muratura, è un buon inizio la lettura di questo articolo di Magnolini, uscito su AAM Terranuova di ottobre 2012

Annunci

9 responses to this post.

  1. Posted by pier luigi toffanin on 11 marzo 2016 at 20:12

    se potete avvisarmi relativamente al corso per la stufa p.toffanin@tiscali.it

    Rispondi

  2. Posted by massimiliano on 15 gennaio 2016 at 20:05

    Buongiorno per caso rifare il corso? Grazie mille massimiliano

    Rispondi

    • Buongiorno Massimiliano,
      al momento non è previsto un nuovo corso; viene eventualmente organizzato se c’è qualche persona in zona che desidera costruire una stufa russa nella propria abitazione, e per ora non abbiamo ricevuto richieste ulteriori. Per l’ecovillaggio è ancora prematuro parlarne.
      Comunque seguici, anche via Facebook, per avere le notifiche delle nostre future iniziative.
      Matteo

      Rispondi

  3. io carico in genere una volta al giorno, massimo due volte nelle giornate fredde d’inverno. ciao

    Rispondi

  4. Posted by Federico on 22 maggio 2015 at 14:13

    Buongiorno
    sono interessato alla costruzione di una stufa simile alla vostra. Mi potete dire come vi siete trovati nell’utilizzo quotidiano ? E’ quello che vi aspettavate ?

    Rispondi

    • Mi sono trovato molto bene, al di là delle aspettative. Per anni ho utilizzato, in una precedente abitazione, delle stube classiche. La stufa russa si avvicina, per rendimento, pur costando molto ma molto di meno!

      Rispondi

      • Posted by Federico on 27 maggio 2015 at 11:58

        Andrea, grazie di avermi risposto !
        Ti chiedo un’altra cosa: ogni quante ore fai una carica di legna per tenere caldo l’ambiente ? (lo so che dipende da molti fattori come dimensioni stanza, tipo legna…, ma tanto per avere un’idea: il problema col mio attuale caminetto ad aria è proprio che deve essere alimentato con una certa frequenza e quindi di notte brrr brrrr)

  5. Posted by lucio on 20 ottobre 2014 at 12:18

    Salve, gradirei sapere se avete la disponibilità di un video-corso,poichè impossibilitato a venire. grazie e cordiali saluti

    Rispondi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: